Bambini: carie in aumento a causa dei troppi snack - Smile Gallery
29
post-template-default,single,single-post,postid-29,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.4,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
bambini nello studio dentistico smile gallery

Bambini: carie in aumento a causa dei troppi snack

Bambini e caramelle sono un binomio fin troppo frequente ma uno studio britannico ha dimostrato che l’assunzione esagerata di zuccheri ha addirittura raddoppiato la possibilità di sviluppare carie nei più piccoli, a partire dai 5 anni.

Per difendere la salute dei più piccini è essenziale prestare attenzione all’alimentazione e all’igiene orale. Anche se la dentatura da latte è solo temporanea le fondamenta per una buona salute della bocca a lungo termine si creano già nell’età dei denti da latte. È cruciale, infatti, che la dentatura decidua mantenga la propria integrità e bisogna spezzare la convinzione ancora diffusa tra i genitori che i denti da latte non siano importanti perché fisiologicamente cadono. La radice del dente da latte agisce come una sorta di guida per l’eruzione del dente permanente, per cui se il dente da latte si ammala o viene estratto prematuramente, quello permanente non ha più guida e può avere problemi a svilupparsi.

 

LO STUDIO

Uno studio pubblicato sul Journal of Public Health, condotto tra università di Glasgow e di Edimburgo sulla base di dati su alimentazione, cure dentarie e problemi di carie relativi a quasi 4000 bimbi di 2-5 anni di vita ha evidenziato che quando il consumo di cibo spazzatura è esagerato a 2 anni, il rischio di sviluppare carie a 5 raddoppia.

In gran parte della Gran Bretagna, nel biennio 2016-17, sono stati eseguiti ben 42.911 interventi per estrazioni multiple di denti a bambini e ragazzi – qualcosa come 170 operazioni al giorno! Si tratta di quasi un quinto in più (+17%) rispetto al biennio 2012-13 quando gli interventi furono 36.833. Un chiaro segno d’allarme del fatto che i bambini mangiano sempre più cibi zuccherati.

Dalla ricerca è emerso che i bimbi che a due anni hanno una scarsa igiene orale (lavare i denti meno di una volta al giorno o non lavarli proprio), presentano un rischio doppio di sviluppare carie già a 5 anni, rispetto ai coetanei che lavano regolarmente i denti. Analogamente, i bambini che mangiano sistematicamente male, consumando tanti snack e cibo spazzatura ogni giorno hanno un rischio di carie doppio rispetto ai coetanei che mangiano in modo sano.

I CONSIGLI DEL DENTISTA

La corretta igiene orale resta di certo la più importante. Per corretta igiene orale però non si intende solo la frequenza (due volte al giorno) ma anche la corretta tecnica di spazzolamento.

Lo spazzolino va inclinato di 45° rispetto all’asse lunga del dente, per permettere alle setole di rimuovere la placca batterica dal solco gengivale e passato con un movimento rotatorio.

WhatsApp chat

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi